Dimagrire in pochi mesi: si può ?

L’alimentazione è una materia molto complicata dove persino gli stessi nutrizionisti o dietologi fanno spesso fatica a muoversi. Il corpo umano è talmente tanto complicato e complesso e sono necessari anni di studi per conoscerne appieno il funzionamento che a volte neanche basta. Le diete fai da te dimostrano la presunzione e il fare da tuttologi dell’italiano medio, snobbando quelle che sono le figure professionali che invece sono nate per intervenire in questi contesti.

perdere peso
dimagrire

Fatta questa pungente premessa vi sarà capitato di notare come nelle palestre ci sia un maggior afflusso soprattutto nei mesi che precedono l’estate, quindi marzo o aprile. Questo perché hanno il bisogno di perdere peso e presentarsi al meglio alla “prova costume”. Ma riusciranno a farcela in questi pochi mesi? Bè la risposta è che dipende. Si può e non si può, dipende dai modi con il quale si dimagrisce, dalle successive conseguenze e da svariati altri fattori. Ma aiutiamoci con degli esempi pratici e con l’aiuto di alcuni noiosi dati.

Anche grazie alle tante app che esistono al giorno d’oggi o utilizzando qualche formula possiamo mediamente calcolare il nostro dispendio energetico giornaliero. Per rendere le cose meno complicate ma che ci aiuta comunque a rendere un’idea andiamo a calcolare il nostro dispendio energetico giornaliero ipotizzando di essere una persona che svolge un’attività fisica moderata (ad esempio svolta tre volte alla settimana), solo le calorie consumate nelle attività fisiche quotidiane e il metabolismo basale. Veniamo a scoprire cosi che consumiamo mediamente circa 2000 kcal al giorno quindi un totale di circa 14000 kcal a settimana.

Benissimo, quante ne assumiamo? Sempre aiutandoci con delle app o con delle formule che si possono trovare su internet andiamo a calcolare il nostro introito calorico giornaliero e scopriamo che mediamente ne assumiamo altrettante, vale a dire 2000 kcal, caloria più caloria meno. Il resto è presto detto, se ne assumiamo di più andremo ad ingrassare, se ne assumiamo di meno andremo a dimagrire. Facile no? E invece no, scopriamo il perché. Per consumare 1 kg di grasso bisogna “bruciare” 7000 kcal, questo significa che se vogliamo perdere per esempio 7 kg dovremmo consumare un totale di 49000 kcal. Se vogliamo perdere i nostri agoniati 7 kg in soli 120 giorni dovremmo arrivare a un deficit calorico di circa 408 kcal al giorno.

Per approfondimenti sui miei servizi di personal trainer visita: Personal Trainer Roma: i miei servizi

I PRINCIPALI ERRORI

I principali errori che l’italiano medio compie per cercare di perdere queste 49000 kcal sono fondamentalmente due:

  1. mangiare male
  2. mangiare troppo poco

Studi scientifici dimostrano come non bisogna creare un deficit calorico oltre il 10-15%massimo per non sovraccaricare troppo l’organismo e non andare incontro a catabolismo muscolare. Nel nostro caso quindi, il 15% di 2000 kcal è 300 kcal, andare oltre per cercare di arrivare alle 408 kcal giornaliere provocherebbe le conseguenze negative prima citate.

perdere grasso
dimagrimento

Già questo dato ci aiuta a capire che, molto probabilmente, quattro mesi non bastano. Ovviamente tutti questi calcoli si possono fare se non mangiamo mai male e in 4 mesi, sinceramente, riusciamo a farlo? Almeno due volte a settimana non ci capita di bere o mangiare qualcosa di eccessivamente calorico? Difficile, quasi impossibile. Perdere questi kg sembra sempre più difficile.

Inoltre un deficit cosi basso rispetto al consigliato provocherebbe debolezza, non riusciremo cosi ad affrontare le sedute di allenamento che ci aiuterebbero molto nella spesa energetica quotidiana; ci muoviamo anche meno e non abbiamo energia per allenarci.

Sappiamo come una buona percentuale di massa magra aiuti nel consumo energetico, tenendo alto il nostro metabolismo basale. Creare un deficit cosi alto mangiando troppo poco quindi risulterà sbagliato, poiché abbiamo bruciato massa magra e il metabolismo rallenta. Inizialmente si perderà peso ma poi lo si riacquisterà. Questo è dovuto al fatto che il nostro organismo, non abituato a questi eccessivi periodi di magra, non appena si ritornerà ad assumere le calorie necessarie, queste verranno convertite dal nostro organismo in grasso come meccanismo di sopravvivenza.

Ecco il perché della famosa frase: all’inizio ho perso peso ma poi l’ho ripreso tutto! Il motivo è questo.

Introdurre diversi macronutrienti nel nostro organismo influenza in maniera significativa la produzione ormonale. Bisogna assumere quindi i grassi, le proteine, i carboidrati e le vitamine nei momenti giusti e nelle quantità giuste. Le diete fai da te senza carboidrati o grassi con l’intento di dimagrire lasciano il tempo che trovano.

COSA FARE

La domanda adesso è, cosa fare? Ecco degli accorgimenti che ci possono aiutare:

  • adottare uno stile alimentare che più si adatta al soggetto che potrà essere protratto nel tempo
  • qualità del cibo e numero di calorie sono fattori da tenere in considerazione
  • bisogna innalzare il metabolismo, cosicché le calorie consumate giornalmente saranno maggiori anche a riposo e non sarà quindi cosi necessario abbassare troppo le calorie giornaliere.

In questo modo riusciremo ad affrontare tutte le attività fisiche quotidiane al meglio.

Ci può aiutare contare quante calorie assumiamo al giorno: calcolare il consumo di grassi medio: il dispendio energetico di una camminata si calcola in questo modo: kg perso corporeo per km percorsi diviso 35. Per la corsa kg peso corporeo per km
percorsi diviso 20.

Questi fattori sono medi non tengono conto di svariati altri fattori come lo stato nutrizionale e il relativo consumo lipidico:

  • Un ottimo metodo per innalzare la massa magra a discapito di quella grassa è cercare di innalzare la produzione di GH, ciò riesce meglio se si assumono proteine verso le ore serali poiché gli aminoacidi sono in grado di stimolarne la secrezione. Non va dimenticato però che il GH ha bisogno del giusto quantitativo di insulina per essere secreto, quindi è necessaria anche la giusta dose di carboidrati complessi assunti a intervalli regolari durante l’arco della giornata. Il mio consiglio è di assumerne di più il giorno dell’allenamento cosi avrete anche l’energia per affrontare la richiesta fisica.
  • Fare un’abbondante colazione attiva il metabolismo, il quale è rimasto basso e stabilizzato per tutta la nottata. Colazione con proteine e grassi di origine vegetale è la scelta migliore da fare per contrastare gli effetti catabolici del cortisone (ormone dello stress, tende a far accumulare massa grassa).
  • Il pranzo deve essere consistente al fine di affrontare la giornata e per favorire la secrezione di importanti ormoni tiroidei.

CONCLUSIONE

Quindi riuscirò a perdere i miei 7 kg in soli 4 mesi? Se abbiamo una buona percentuale di massa magra velocizzeremo questo processo, se riusciamo a assumere il giusto quantitativo di calorie e i giusti nutrienti tramite una dieta ponderata e equilibrata riusciremo ad affrontare questi mesi che precedono l’estate nel migliore dei modi riuscendo probabilmente a perdere qualche kg, ma per perderne 7 occorrono tempi più lunghi. Andare in palestra e svolgere attività fisica quotidianamente durante tutto l’anno e non solo i pochi mesi precedenti l’estate risulterà più sano ed efficace al fine di ottenere un dimagrimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*